Prefazione 

“Questa ‘Piccola Parigi’ mi fa sognare
 ù una vera favola!

C’era una volta
 in una bella città italiana che si chiama Trieste, con i suoi bei monumenti e la sua notorietà mondiale, un piccolissimo quartiere nascosto, che ù scampato alla distruzione e nel quale ci si crederebbe essere nel diciannovesimo secolo. Delle piccolissime case affacciate su viuzze strette piene di gatti, di panni stesi alle finestre; un piccolo paradiso da cartoni animati risparmiato dalla follia delle grandezze degli uomini.

Non state sognando, esiste realmente
!”

Brigitte Bardot
Ph: Pattypici

Titolo: La Piccola Parigi

Editore: Infinito edizioni 

Pagine: 208

Prezzo: 15€

❝ 𝘓𝘱 Pđ˜Șđ˜€đ˜€đ˜°đ˜­đ˜ą 𝘗𝘱𝘳đ˜Ș𝘹đ˜Ș đ˜Žđ˜Šđ˜źđ˜Łđ˜łđ˜ąđ˜·đ˜ą đ˜¶đ˜Żđ˜ą đ˜Žđ˜°đ˜łđ˜”đ˜ą đ˜„đ˜Ș đ˜·đ˜Ș𝘭𝘭𝘱𝘹𝘹đ˜Ș𝘰 𝘯𝘩𝘭𝘭𝘱 đ˜€đ˜Șđ˜”đ˜”Ă  𝘩 𝘭𝘩 đ˜­đ˜¶đ˜€đ˜Ș đ˜±đ˜ȘĂč đ˜­đ˜°đ˜Żđ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜Š đ˜ąđ˜·đ˜Šđ˜·đ˜ąđ˜Żđ˜° đ˜Ș𝘯đ˜Șđ˜»đ˜Șđ˜ąđ˜”đ˜° 𝘱 𝘹đ˜Ș𝘳𝘱𝘳𝘩 đ˜€đ˜°đ˜źđ˜Š đ˜¶đ˜Żđ˜ą 𝘹đ˜Șđ˜°đ˜Žđ˜”đ˜łđ˜ą 𝘯𝘩𝘭𝘭𝘱 𝘼đ˜Ș𝘱 đ˜”đ˜Šđ˜Žđ˜”đ˜ą. 𝘌 đ˜±đ˜Šđ˜ł đ˜Čđ˜¶đ˜ąđ˜­đ˜€đ˜©đ˜Š đ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜Š, đ˜±đ˜łđ˜°đ˜·đ˜ąđ˜Ș đ˜¶đ˜Ż đ˜Ș𝘯đ˜Čđ˜¶đ˜Șđ˜Šđ˜”đ˜° 𝘮𝘩𝘯𝘮𝘰 đ˜„đ˜Ș đ˜±đ˜łđ˜Ș𝘹đ˜Ș𝘰𝘯đ˜Ș𝘱. ❞ La Piccola Parigi ~ di Massimiliano Alberti 

Û©àźœ 🐈‍⬛ àźœ Û©

🐈‍⬛  A passo felpato, Lorenzo ci porta tra le vie del suo quartiere, decadente testimone del passato napoleonico di Trieste, a volte con imbarazzo, nostalgia, ma sempre con sentito affetto. 

Incontriamo, tra i mattoni ammuffiti e ed i panni stesi,  i suoi amici d’infanzia, respiriamo quell’aria un po’ stantia di sogni impacciati e di vite stinte. 

🐈‍⬛  Lorenzo, Tullio e Christian ci mostreranno la strada per districarci in quel dedalo di viuzze, che troppe volte inghiottono speranze e raramente concedono spazio alle ambizioni. 

❝ đ˜—đ˜łđ˜°đ˜·đ˜ąđ˜·đ˜° đ˜±đ˜Šđ˜ł 𝘭𝘱 𝘗đ˜Șđ˜€đ˜€đ˜°đ˜­đ˜ą 𝘗𝘱𝘳đ˜Ș𝘹đ˜Ș 𝘭𝘰 đ˜Žđ˜”đ˜Šđ˜Žđ˜Žđ˜° đ˜Žđ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜Șđ˜źđ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜° đ˜„đ˜Ș đ˜Čđ˜¶đ˜ąđ˜Żđ˜„đ˜° 𝘮đ˜Ș đ˜źđ˜Šđ˜”đ˜”đ˜°đ˜Żđ˜° đ˜·đ˜Ș𝘱 𝘭𝘩 đ˜§đ˜°đ˜”đ˜° đ˜·đ˜Šđ˜€đ˜€đ˜©đ˜Ș𝘩. 𝘕𝘰𝘯 đ˜·đ˜°đ˜­đ˜Šđ˜·đ˜° 𝘩𝘭đ˜Ș𝘼đ˜Ș𝘯𝘱𝘳𝘭𝘱 đ˜„đ˜ąđ˜­đ˜­đ˜ą 𝘼đ˜Ș𝘱 đ˜·đ˜Șđ˜”đ˜ą, đ˜„đ˜Šđ˜Žđ˜Șđ˜„đ˜Šđ˜łđ˜ąđ˜·đ˜° 𝘮𝘰𝘭𝘰 đ˜Żđ˜ąđ˜Žđ˜€đ˜°đ˜Żđ˜„đ˜Šđ˜łđ˜­đ˜ą 𝘩 đ˜Žđ˜ąđ˜±đ˜Šđ˜łđ˜Š đ˜€đ˜©đ˜Š 𝘩𝘳𝘱 𝘭à ❞

La Piccola Parigi

🐈‍⬛ Quel timido ragazzino che costruiva castelli di carta, cresce e porta ben stretta, tra gli spaghi che chiudono la valigia, la sua voglia di rivalsa. 

Silenziosa, quanto preziosa la spalla della mamma Rosalia.

❝ 𝘓𝘩đ˜Ș 𝘩𝘳𝘱 đ˜„đ˜Șđ˜·đ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜ąđ˜”đ˜ą đ˜¶đ˜Żđ˜ą đ˜€đ˜ąđ˜Žđ˜Žđ˜ąđ˜§đ˜°đ˜łđ˜”đ˜Š, đ˜¶đ˜Ż đ˜ąđ˜łđ˜źđ˜ąđ˜„đ˜Ș𝘰 đ˜Łđ˜¶đ˜Ș𝘰 đ˜„đ˜°đ˜·đ˜Š đ˜±đ˜°đ˜”đ˜Šđ˜ł đ˜Żđ˜ąđ˜Žđ˜€đ˜°đ˜Żđ˜„đ˜Šđ˜łđ˜Š 𝘭𝘩 đ˜Žđ˜°đ˜§đ˜§đ˜Šđ˜łđ˜Šđ˜Żđ˜»đ˜Š, đ˜Ș đ˜±đ˜łđ˜°đ˜Łđ˜­đ˜Šđ˜źđ˜Ș đ˜„đ˜Šđ˜­đ˜­đ˜ą đ˜Žđ˜€đ˜¶đ˜°đ˜­đ˜ą 𝘩 đ˜Ș𝘭 đ˜€đ˜°đ˜Żđ˜€đ˜Šđ˜”đ˜”đ˜° đ˜„â€™đ˜Šđ˜Žđ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜Šđ˜Żđ˜»đ˜ą đ˜€đ˜©đ˜Š đ˜„đ˜Ș đ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜° đ˜Ș𝘯 đ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜° 𝘼đ˜Ș 𝘱𝘮𝘮đ˜Șđ˜­đ˜­đ˜ąđ˜·đ˜ą ❞

🐈‍⬛ Lorenzo diventa grande, ma mai troppo da dimenticare il suono dei sassi sulla finestra, dei profumi della Bottega e mai e poi mai dimenticherĂ  quella Regina di cuori, che gli rubĂČ il sonno, fissata per sempre sui muri della sua Piccola Parigi. 

Û©àźœ 🐈‍⬛ àźœ Û©

☆ Una Storia danzante, un ritmo sognante, un ballo pieno di stelle e lacrime rubate. 

Bello come un sorriso dolce amaro, quello stampato sul viso candido di un matto che sfida a duello la vita.

☆ L’ambientazione non si riduce a mera cornice della narrazione, ma partecipa con vibrante tensione sinestetica al pathos del racconto. 

Le frasi sono dense di germogli di pensiero e di possibilitĂ  ancora da sondare, prerogativa unica di una giovinezza da esplorare. 

La Piccola Parigi di Massimiliano Alberti

☆ Il linguaggio forbito vibra dissonante tra i vicoli di questo quartiere povero e decadente, esaltandone l’intrinseca nobiltĂ . 

📚 Dal mascalzone romantico Leo ne L’Invitato, al sognatore Lorenzo della Piccola Parigi, Massimiliano Alberti fa della trasognata e intima leggerezza la sua cifra stilistica, rincorrendo i passi di quel Chat Noir, detentore di ancestrali saggezze e segreti sussurrati. 

❝ ... 𝗜đ—č đ—Žđ—źđ˜đ˜đ—Œ Ăš đ—°đ—Œđ—șđ—Č đ—č’𝗼đ—șđ—Œđ—żđ—Č. È đ—¶đ—»đ˜‚đ˜đ—¶đ—čđ—Č đ—żđ—¶đ—»đ—°đ—Œđ—żđ—żđ—Č𝗿đ—čđ—Œ. 𝗗đ—Čđ˜ƒđ—¶ đ—źđ˜€đ—œđ—Č𝘁𝘁𝗼𝗿đ—Č đ—°đ—”đ—Č đ˜€đ—¶đ—ź đ—čđ˜‚đ—¶ 𝗼 đ—șđ—Č𝘁𝘁đ—Čđ—żđ˜€đ—¶ đ˜ƒđ—¶đ—°đ—¶đ—»đ—Œ ... ❞

☆ Questa storia sa incantare proprio per le mille sfumature che la colorano. Intensa ed introspettiva, romantica e mai banale. 

               â­ïžâ­ïžâ­ïžâ­ïž

                            

⇰ Parte dei diritti d’autore derivanti dalla vendita di questo libro sono devoluti in beneficenza a “ Il Gattile “ di Trieste. 

🔾Dello stesso Autore ⇰ L’Invitato 

đŸ”čDella stessa Casa Editrice 

⇰ Dayton,1995 di Luca Leone e Silvio Ziliotto 

Spread the love