Appunti di Lettura

Tag: blog Pagina 1 di 2

I Dimenticati di Riccardo Noury e Luca Leone

Articolo in evidenza

” L’Italia e l’Europa non sono come dovrebbero essere, troppe diseguaglianze, non lasciamo nessuno indietro ” 

ᎍᎀʀÉȘᎏ áŽ…Ê€áŽ€ÉąÊœÉȘ al Summit della Ue sulle Politiche sociali di Oporto in Portogallo ~ 8 Maggio 2021

« … la fine di un lungo viaggio nella Tutela dei Diritti Sociali… » dice Draghi in Conferenza Stampa. 

I Dimenticati

Coloro che non sono ripartiti dopo la Pandemia

Titolo: I Dimenticati
Autori: Riccardo Noury e Luca Leone
Editore: Infinito Edizioni
Pagine: 123
Prezzo: 12 €

È un momento cruciale per tutti Noi, un momento storico in cui la Pandemia ha evidenziato tutti i difetti delle scelte operate in campo sociale negli ultimi anni. 

« Non potremmo piĂč far finta di non sapere. Ora sappiamo» come sottolinea Mauro Palma. 

La Piccola Parigi di Massimiliano Alberti – Recensione 🐈‍⬛

Articolo in evidenza

Prefazione 

“Questa ‘Piccola Parigi’ mi fa sognare
 ù una vera favola!

C’era una volta
 in una bella città italiana che si chiama Trieste, con i suoi bei monumenti e la sua notorietà mondiale, un piccolissimo quartiere nascosto, che ù scampato alla distruzione e nel quale ci si crederebbe essere nel diciannovesimo secolo. Delle piccolissime case affacciate su viuzze strette piene di gatti, di panni stesi alle finestre; un piccolo paradiso da cartoni animati risparmiato dalla follia delle grandezze degli uomini.

Non state sognando, esiste realmente
!”

Brigitte Bardot
Ph: Pattypici

Titolo: La Piccola Parigi

Editore: Infinito edizioni 

Pagine: 208

Prezzo: 15€

❝ 𝘓𝘱 Pđ˜Șđ˜€đ˜€đ˜°đ˜­đ˜ą 𝘗𝘱𝘳đ˜Ș𝘹đ˜Ș đ˜Žđ˜Šđ˜źđ˜Łđ˜łđ˜ąđ˜·đ˜ą đ˜¶đ˜Żđ˜ą đ˜Žđ˜°đ˜łđ˜”đ˜ą đ˜„đ˜Ș đ˜·đ˜Ș𝘭𝘭𝘱𝘹𝘹đ˜Ș𝘰 𝘯𝘩𝘭𝘭𝘱 đ˜€đ˜Șđ˜”đ˜”Ă  𝘩 𝘭𝘩 đ˜­đ˜¶đ˜€đ˜Ș đ˜±đ˜ȘĂč đ˜­đ˜°đ˜Żđ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜Š đ˜ąđ˜·đ˜Šđ˜·đ˜ąđ˜Żđ˜° đ˜Ș𝘯đ˜Șđ˜»đ˜Șđ˜ąđ˜”đ˜° 𝘱 𝘹đ˜Ș𝘳𝘱𝘳𝘩 đ˜€đ˜°đ˜źđ˜Š đ˜¶đ˜Żđ˜ą 𝘹đ˜Șđ˜°đ˜Žđ˜”đ˜łđ˜ą 𝘯𝘩𝘭𝘭𝘱 𝘼đ˜Ș𝘱 đ˜”đ˜Šđ˜Žđ˜”đ˜ą. 𝘌 đ˜±đ˜Šđ˜ł đ˜Čđ˜¶đ˜ąđ˜­đ˜€đ˜©đ˜Š đ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜Š, đ˜±đ˜łđ˜°đ˜·đ˜ąđ˜Ș đ˜¶đ˜Ż đ˜Ș𝘯đ˜Čđ˜¶đ˜Șđ˜Šđ˜”đ˜° 𝘮𝘩𝘯𝘮𝘰 đ˜„đ˜Ș đ˜±đ˜łđ˜Ș𝘹đ˜Ș𝘰𝘯đ˜Ș𝘱. ❞ La Piccola Parigi ~ di Massimiliano Alberti 

La Sonata a Kreutzer Vs Amore colpevole

Articolo in evidenza

❝ đ™»â€™đš‘đš˜ 𝚌𝚑𝚒𝚊𝚖𝚊𝚝𝚘 𝚕𝚒𝚝𝚒𝚐𝚒𝚘, 𝚖𝚊 𝚒𝚗 𝚛𝚎𝚊𝚕𝚝à 𝚗𝚘𝚗 𝚕𝚘 𝚎𝚛𝚊, 𝚎𝚛𝚊 𝚙𝚒𝚞𝚝𝚝𝚘𝚜𝚝𝚘 𝚕𝚊 𝚖𝚊𝚗𝚒𝚏𝚎𝚜𝚝𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚎 𝚍𝚎𝚕𝚕’𝚊𝚋𝚒𝚜𝚜𝚘 𝚌𝚑𝚎 𝚎𝚜𝚒𝚜𝚝𝚎𝚟𝚊 𝚎𝚏𝚏𝚎𝚝𝚝𝚒𝚟𝚊𝚖𝚎𝚗𝚝𝚎 𝚏𝚛𝚊 𝚗𝚘𝚒. đ™»â€™đšŠđš–đš˜đš›đšŽ 𝚜𝚒 𝚎𝚛𝚊 𝚎𝚜𝚊𝚞𝚛𝚒𝚝𝚘 𝚌𝚘𝚗 𝚕’𝚊𝚙𝚙𝚊𝚐𝚊𝚖𝚎𝚗𝚝𝚘 𝚍𝚎𝚒 𝚜𝚎𝚗𝚜𝚒, 𝚎𝚍 𝚎𝚛𝚊𝚟𝚊𝚖𝚘 𝚛𝚒𝚖𝚊𝚜𝚝𝚒 𝚕’𝚞𝚗𝚘 𝚍𝚒 𝚏𝚛𝚘𝚗𝚝𝚎 𝚊𝚕𝚕’𝚊𝚕𝚝𝚛𝚘, 𝚗𝚎𝚕 𝚗𝚘𝚜𝚝𝚛𝚘 𝚛𝚎𝚊𝚕𝚎 𝚛𝚊𝚙𝚙𝚘𝚛𝚝𝚘, 𝚌𝚒𝚘ù, 𝚚𝚞𝚎𝚕𝚕𝚘 𝚍𝚒 𝚍𝚞𝚎 𝚎𝚐𝚘𝚒𝚜𝚝𝚒 𝚙𝚎𝚛𝚏𝚎𝚝𝚝𝚊𝚖𝚎𝚗𝚝𝚎 𝚎𝚜𝚝𝚛𝚊𝚗𝚎𝚒 𝚕’𝚞𝚗 𝚕’𝚊𝚕𝚝𝚛𝚘[
]. ❞ 𝐋𝐚 𝐬𝐹𝐧𝐚𝐭𝐚 𝐚 đŠđ«đžđźđ­đłđžđ« ~ đ“đšđ„đŹđ­đšđŁ

                       Versus

❝ 𝘚𝘩 đ˜ąđ˜€đ˜€đ˜ąđ˜„đ˜Š đ˜€đ˜©đ˜Š đ˜¶đ˜Żđ˜ą đ˜„đ˜°đ˜Żđ˜Żđ˜ą đ˜Žđ˜±đ˜°đ˜Žđ˜ąđ˜”đ˜ą  𝘮’đ˜Ș𝘯𝘯𝘱𝘼𝘰𝘳đ˜Ș đ˜„đ˜Ș đ˜¶đ˜Ż đ˜ąđ˜­đ˜”đ˜łđ˜° đ˜¶đ˜°đ˜źđ˜°, đ˜Čđ˜¶đ˜ąđ˜Žđ˜Ș đ˜Žđ˜Šđ˜źđ˜±đ˜łđ˜Š 𝘭𝘱 đ˜€đ˜°đ˜­đ˜±đ˜ą Ăš đ˜„đ˜Šđ˜­ 𝘼𝘱𝘳đ˜Șđ˜”đ˜°: Ăš đ˜­đ˜¶đ˜Ș đ˜€đ˜©đ˜Š 𝘯𝘰𝘯 đ˜©đ˜ą đ˜Žđ˜ąđ˜±đ˜¶đ˜”đ˜° đ˜Žđ˜°đ˜„đ˜„đ˜Ș𝘮𝘧𝘱𝘳𝘩 𝘭𝘩 đ˜ąđ˜Žđ˜±đ˜Šđ˜”đ˜”đ˜ąđ˜”đ˜Șđ˜·đ˜Š đ˜±đ˜°đ˜Šđ˜”đ˜Șđ˜€đ˜©đ˜Š đ˜„đ˜Šđ˜­đ˜­đ˜ą đ˜Žđ˜¶đ˜ą 𝘹đ˜Șđ˜°đ˜·đ˜ąđ˜Żđ˜Š 𝘩 đ˜±đ˜¶đ˜łđ˜ą đ˜Żđ˜ąđ˜”đ˜¶đ˜łđ˜ą 𝘧𝘩𝘼𝘼đ˜Ș𝘯đ˜Ș𝘭𝘩 𝘩 𝘭𝘩 đ˜©đ˜ą đ˜Șđ˜Żđ˜§đ˜łđ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜Š, đ˜°đ˜§đ˜§đ˜łđ˜Šđ˜Żđ˜„đ˜° đ˜Ș𝘯 đ˜€đ˜ąđ˜źđ˜Łđ˜Ș𝘰 𝘮𝘰𝘭𝘰 đ˜Ș𝘭 đ˜­đ˜ąđ˜”đ˜° đ˜łđ˜°đ˜»đ˜»đ˜°, đ˜Łđ˜łđ˜¶đ˜”đ˜ąđ˜­đ˜Š đ˜„đ˜Šđ˜­ đ˜źđ˜ąđ˜”đ˜łđ˜Ș𝘼𝘰𝘯đ˜Ș𝘰. ❞ 🔾 đ€đŠđšđ«đž đœđšđ„đ©đžđŻđšđ„đž ~ 𝐒ĂČ𝐟’𝐣𝐚 đ€đ§đđ«ĂšđžđŻđ§đš đđžđ«đŹ, detta Sonja, moglie di Tolstoj 

Dayton, 1995 di Silvio Ziliotto e Luca Leone

Articolo in evidenza

La fine della guerra in Bosnia Erzegovina, l’inizio del nuovo caos

“𝑰𝒍 đ’—đ’†đ’đ’•đ’†đ’”đ’Šđ’Žđ’ đ’”đ’†đ’„đ’đ’đ’ Ăš đ’Šđ’đ’Šđ’›đ’Šđ’‚đ’•đ’ đ’‡đ’đ’“đ’”đ’† đ’„đ’đ’ đ’â€™đ’‚đ’•đ’•đ’†đ’đ’•đ’‚đ’•đ’ đ’‚  đ‘ș𝒂𝒓𝒂𝒋𝒆𝒗𝒐 đ’đ’†đ’ 1914 đ’† đ’”đ’Š Ăš đ’„đ’đ’đ’„đ’đ’–đ’”đ’ đ’…đ’Š 𝒏𝒖𝒐𝒗𝒐 đ’‚ đ‘ș𝒂𝒓𝒂𝒋𝒆𝒗𝒐 đ’„đ’đ’ đ’Š đ’„đ’đ’đ’‡đ’đ’Šđ’•đ’•đ’Š đ’ƒđ’‚đ’đ’„đ’‚đ’đ’Šđ’„đ’Š đ’…đ’†đ’ˆđ’đ’Š đ’‚đ’đ’đ’Š  đ‘”đ’đ’—đ’‚đ’đ’•đ’‚â€ 

Predrag Matvejević – saggista jugoslavo

Titolo: Dayton,1995

Autori : Silvio Ziliotto e Luca Leone

Editore: Infinito Edizioni

Collana: Orienti

Pagine: 189

Prezzo: 14€

L’ora di Agathe di Anne Cathrine Bomann ~ Recensione

Articolo in evidenza
Ph: Pattypici

Titolo: L’ora di Agathe

Autrice: Anne Cathrine Bomann

Editore: Iperborea

Pagine: 160

Prezzo: 15€

Se fossi andato in pensione a settantadue anni, avrei avuto davanti i miei ultimi cinque mesi di lavoro. Il che corrispondeva a ventidue settimane e voleva dire che, se tutti i pazienti si fossero presentati, mi restavano esattamente ottocento incontri 

L’ora di Agathe

àźœÛ©ÛžÛ©àźœ

Questi calcoli matematici freddi e cinici scandiscono i giorni del Protagonista, un anziano Psicoterapeuta nella Parigi degli anni ‘40, che prenderĂ  coscienza del suo male di vivere grazie ad Agathe, che đš‘𝹩 đš™đšŽđš›đšđšžđšđš˜ đš•đšŠ đšŸđš˜đšđš•đš’𝹩 đšđš’ đšŸđš’đšŸđšŽđš›đšŽ đšŽ đš—đš˜đš— đš—đšžđšđš›đšŽ đš™đš’Ăč đšŠđš•đšŒđšžđš—𝹩 đš’đš•đš•đšžđšœđš’đš˜đš—đšŽ đšđš’ đš™đš˜đšđšŽđš› 𝚜𝚝𝚊𝚛𝚎 đš‹đšŽđš—𝹮, đš–𝹩 đšŸđš˜đš›đš›đšŽđš‹đš‹đšŽ đšŠđš•đš–đšŽđš—đš˜ đšđšžđš—đšŁđš’đš˜đš—đšŠđš›đšŽ.

Recensione ~ L’Invitato di Massimiliano Alberti

Articolo in evidenza
Ph: Pattypici

Titolo: L’Invitato

Autore: Massimiliano Alberti

Editore: Infinito Edizioni

Pagine: 218

Prezzo:14€

Vuoi scrivere un libro? Prendi i personaggi, falli a pezzi e poi muovili come dei burattini.

    L’Invitato di Massimiliano Alberti

… ma Massimiliano Alberti ha dato vita, plasmato e reificato Leonardo e tutte le regole si sono ribaltate…

 Leonardo Belli ci pensa da solo a farsi a pezzi e mai e poi mai si lascerĂ  muovere come un burattino… perchĂ©? 

PerchĂ© Leo Ăš parte di Noi, Ăš parte di Massimiliano, Ăš la voce della libertĂ  e della spregiudicatezza… perchĂ© Leo sogna e ci crede, perchĂ© Leo freme di una passione che tutti noi rincorriamo!

Recensione ~ Layla ~ 𝚍𝚒 Massimo Piccolo

Articolo in evidenza
Layla
di Massimo Piccolo
Cuzzolineditore.com
Ph: Pattypici

✟ Layla si presenta subito, ti guarda negli occhi e ti induce ad ascoltarla.

✟ Domina la copertina con assoluta naturalezza, polo magnetico di un libro dalla fisicitĂ  appagante e promettente.

✟ Lei ha bisogno di raccontarti la sua storia per esistere, per sentirsi viva, per uscire dalle tenebre che l’avvolgono… non

❝ Vede i ragazzi intorno a lei organizzati in gruppetti piĂč o meno numerosi. Ridono, raccontandosi chissĂ  che cosa. Nessuno sta in disparte come lei, forse giusto qualche pulcino del primo anno ❞

Layla

✟ Layla ci trasporta tra le vie di una Napoli magica, tra il profumo di basilico e limone, dove le leggende hanno il sapore dolce-amaro del caffĂš. 

✟ Tutto Ăš nuovo, dalla casa in cui vive con il padre, alla scuola, alle strade da esplorare, ai visi in cui riconoscersi per ritrovarsi …

✟ Sara, la nuova esuberante compagna di banco, diventerĂ  presto il fulcro intorno a cui ruoterĂ  la vita sociale di Layla. 

✟ Per un anno intero seguiremo il piccolo gruppo di amici che, tra disagi e buoni propositi, cercherĂ  di scansare gli inganni della vita. 

✟ La mente scientifica di Gabriel, l’Alberto Angela del gruppo, vacillerĂ  e oscurerĂ  la luciditĂ  del lettore piĂč attento. 

✟ Agli appunti della Sposa Vergine, evanescente e inafferrabile protagonista delle pagine piĂč nere del libro, viene affidata la memoria piĂč oscura dell’esoterismo partenopeo

❝ … capita che le anime tornino con tutto il corpo in questo mondo. Oppure semplicemente non riescono ad andare via… i fantasmi… sapete cosa dono i fantasmi? Sono quelle persone strappate alla morte che perĂČ hanno giĂ  abbandonato la vita..❞

La Sposa Vergine
Layla

         
⋆ ⋆ â‹† â‹† â‹† â‹† â‹†

✯ Briciole, indizi, sospetti… 

tutti sapientemente disseminati tra le righe di questo Noir dalla frizzante voce contemporanea. 

✯ Il rapporto osmotico tra mistero e razionalitĂ , tra passato e presente dona fluiditĂ  a questa storia sempre in bilico tra un dubbio ed una speranza. 

✯ Varie gradazioni di nero accompagnano il Lettore tra le storie tramandate di generazione in generazione, tra i miti di una cultura antica.

Scioglilingua napoletano del ‘700

✯ Il registro espressivo, che assume varie tonalitĂ  a seconda della prospettiva, contribuisce ad amplificare pensieri ed ansie dei vari personaggi, conferendo loro tridimensionalitĂ  e credibilitĂ . 

✯ L’attenzione ai risvolti psicologici e l’accurata ricerca storica dell’Autore sono la base dell’impalcatura narrativa di questo vibrante ed incalzante Romanzo. 

✯ âœŻ âœŻ âœŻ

Layla vi incanterĂ  e vi conquisterĂ , la sua Ăš una storia nuova, con profonde radici nel fertile terreno letterario. 

Un Noir contemporaneo da leggere tutto d’un fiato. 

♡ Felicissima di aver conosciuto #Layla e grata a Massimo Piccolo per questa opportunitĂ . 

Le Pagine che verranno

𝚁𝚎𝚌𝚎𝚗𝚜𝚒𝚘𝚗𝚎 ~ L’Avversario di Emmanuel Carrùre

Articolo in evidenza
L’Avversario ~ pattypici ~


Titolo: L’avversario

Autore: Emmanuel CarrĂšre

Editore: Adelphi Edizioni

Data di Pubblicazione: 2000

Pagine: 169

ă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïžă€°ïž


đŸ‘€ Sono Jean- Claude Roman, ho sempre desiderato fare il medico, forse per riuscire a guarire mia madre…

♻ I miei genitori mi hanno insegnato a non mentire… mai… a parte quando mamma stava male… 

📖 Ho frequentato l’universitĂ  e andavo talmente bene che passavo sempre i compiti ai miei compagni, i miei genitori mi hanno sempre insegnato ad essere onesto…

⛔ Sono un medico ricercatore dell’OMS, questo Ăš quello che mi dice l’orgoglio, la testa, in realtĂ  Ăš quello che racconto tutti i giorni ai miei cari…. ma l’esame universitario non l’ho passato.. chissĂ  perchĂ©… ma da quel momento ho deciso che fossero gli Altri a non capire la potenzialitĂ  che potevo esprimere!

l’imputato possedeva le qualità per diventare un buon medico, un medico vero, e alla base della sua scelta c’era una forte motivazione inconscia, condizione necessaria per prendere qualsiasi iniziativa: il desiderio di capire la malattia di sua madre, forse addirittura di guarirla.

L’avversario di Emmanuel Carrùre

⛔ Tutti i giorni mi alzo, mia moglie mi prepara la colazione e i miei figli mi danno il bacio del buon giorno… poi prendo la macchina e faccio finta di andare a lavorare… ovviamente non possono telefonarmi in ufficio, perchĂ© sono un medico con mille responsabilitĂ  .. quindi mi possono contattare solo tramite un cerca-persone, poi io li richiamo.

Ovviamente ho un conto in banca all’altezza del mio lavoro… attingo il mio compenso direttamente dai conti che tutte le persone care mi hanno affidato, pensando che io li potessi investire e farli fruttare…. 

⛔ Sono riuscito anche ad innamorarmi… infatti ho un’amante che coccolo e vizio con regali costosissimi… ogni tanto le dico di essere malato di cancro, cosĂŹ non mi puĂČ lasciare… anzi, ho visto che questa scusa funziona un po’ con tutti ..

❌ Ho un amico fidato, Luc, lui non si fa domande, non ha sospetti, pensa che io sia veramente una brava persona… 

Lo stesso Luc rammentava di essere rimasto perplesso, pochi mesi prima, quando Florence gli aveva detto che Jean-Claude si era classificato quinto al concorso per medici ospedalieri a Parigi.

Non era stato quel successo a stupirlo, ma il fatto di non averlo saputo all’epoca. PerchĂ© non gliene aveva mai parlato? Davanti a questa domanda Jean-Claude, accusato di fare il misterioso, aveva risposto con un’alzata di spalle, dicendo che non era la notizia del secolo, e aveva cambiato argomento.
Aveva una capacitĂ  straordinaria di sviare la conversazione non appena cadeva su di lui. Ci riusciva cosĂŹ bene che era impossibile accorgersene, e alla fine, se uno ci ripensava, era solo per ammirare la discrezione, la modestia, l’impegno con cui metteva in luce gli altri anzichĂ© se stesso.

L’AVVERSARIO ~ Emmanuel Carrùre

 Ăˆ sorto un Problema…ho finito i soldi... la mia amante mi ha lasciato e rivuole il suo investimento … che ovviamente non ho piĂč… ho provato ad ammazzarla, ma io la amo e non le voglio fare del male…

Per tutto il viaggio di ritorno, durato piĂč di due ore perchĂ© Romand guidava molto lentamente, ha temuto che venisse colto da un altro raptus omicida: per questo ha cercato a sua volta di distrarlo, parlandogli in veste di amica devota e di psicologa. Lui dava la colpa di tutto alla malattia. Il cancro non si accontentava di ucciderlo, lo faceva anche impazzire.
La famiglia Roman

❌ Mia moglie mi ha chiesto perchĂ© io non comparissi negli elenchi dell’Oms.. o me lo voleva chiedere.. perchĂ© io non esistessi da nessuna parte… ma io Sono un Grande Medico e lei non puĂČ essere afflitta dalla realtĂ … poi … qual Ăš la realtĂ ? 

❌ Ho dovuto ammazzare mia moglie, i miei figli, dopo il bacio …della buonanotte… ho ritirato la posta e poi sono andato dai miei genitori e ho ucciso anche loro… ma per far capire il mio disagio, ho dato fuoco a casa mia e ho detto che volevo uccidermi anch’io.. ovviamente nel momento in cui sapevo sarebbero passati i netturbini…

🔒 Mi hanno messo in carcere e quando mi chiedono ciĂČ che non voglio dire arriva un attacco di Convulsioni…

il romanzo narcisistico continua in carcere, permettendo al protagonista di sfuggire ancora una volta alla violenta depressione che lo ha minacciato per tutta la vita 

đŸ™đŸ» Ho trovato in Dio il modo di aiutare tutti! Prego per l’umanitĂ  e coltivo l’orto dell’abbazia… ora che finalmente sono uscito dal carcere… 

Gli incontri con un cappellano e con due volontari, capaci di ascoltare in modo meraviglioso e di parlare con semplicità senza giudicare, mi hanno strappato all’indicibile sofferenza di un esilio che aveva spezzato ogni rapporto con Dio e con il resto dell’umanità.

L’avversario ~ Carrùre

✍ L’Avversario di CarrĂšre, letto assieme a @ psicoleggimi ed un gruppo di lettori molto Buoni , nasconde nel Titolo tutta la Condanna che lo Scrittore avrebbe voluto gridare! 

« Per i vecchi Roman, anzichĂ© rappresentare il pieno coronamento, aveva segnato il trionfo della menzogna e del male. Avrebbero voluto vedere Dio e al suo posto avevano visto, sotto le sembianze dell’amato figlio, colui che la Bibbia chiama Satana: l’Avversario».

Emmanuel CarrĂšre

📰 Questo non Ăš un Romanzo, non Ăš una Storia orrorifica creata per divertirci; Questa Ăš l’incarnazione del Male trasposta nella realtĂ  e nessuna condanna puĂČ essere adeguata per Colui che ammazza i propri figli indifesi, la moglie e i genitori e riesce a manipolare il Prossimo, tanto da risultare un Caso da studiare, una Malattia da comprendere e un Cristiano che ha finalmente trovato la Via…


Ho pensato che scrivere questa storia non poteva essere altro che un crimine o una preghiera



Questo Libro, scritto con polso malfermo, ma penna fluida e capace, non lascia indifferenti, nel bene e nel male.

Recensione àŒ’ Rose Madder àŒ’ S. King

Ph:Pattypici Recensione Rose Madder

Non c’ù mai stato altro dolore, come questo dolore…

RosIe

Quel dolore Ăš umiliante, annichilente, omertoso.

âŁïžMa Rose ha la forza di scappare, di muovere i suoi primi passi verso la libertĂ  con una piccola e timida speranza: non farsi trovare mai piĂč da suo marito!

Questo Romanzo, scritto nel 1995, ha un forte sottofondo fantastico, con uno sguardo verso il paranormale, occhieggiando alla Mitologia Greca.
📚Un vero melting pot letterario!

King riesce a raccontare la violenza domestica con acutezza e attenzione, la simbologia greca Ăš propedeutica alla visione critica della societĂ  americana, consumistica e superficiale.

đŸŒč Rose Madder Ăš una donna forte, determinata, che dovrĂ  gestire l’istinto di vendetta, evitando di cadere nella cecitĂ  della Rabbia. Queste donne attraversano le pagine del Gioco di Gerald e di Dolores Claiborne, per non dimenticare Misery.

📚 È una storia di rinascita, di vendetta, di resilienza, Ma…. questo libro Ăš scritto da King! e questa tematica cosĂŹ comune prende una piega inquietante….

 Fu come se fosse stato il quadro a vedere lei

Rose Madder
Ph:Web Rose Madder

♉ Il racconto assume forme psichedeliche, la realtĂ  si deforma ed il concetto di spazio si piega a regole mitologiche, dove regna il Minotauro e “ la donna con il chitone “.

E non ti scordare di un’altra cosa: Io ricambio. Quello che fai tu per me io farĂČ per te

Rose Madder

đŸ–ŒÂ Un banalissimo quadro sarĂ  l’oggetto orrorifico a cui King affiderĂ  il Pathos, che porterĂ  il lettore a divorare le pagine.

Il Mondo parallelo in cui faremo i primi timidi passi Ăš quello che ritroveremo ne La Torre nera.

⭐⭐⭐ 1/2

Ho ritrovato il mio Scrittore adolescenziale, ho ripercorso le stesse tracce, ma i solchi sono ora piĂč profondi e la mia visuale piĂč ampia. 
Condividendo questa lettura con il GdL Non solo Horror, ho potuto arricchire questa storia, con tutte le voci dei lettori neofiti e non.

L’acutezza psicologica dei personaggi, i disturbi della personalitĂ  , cosĂŹ come l’atmosfera carica di angosciosa attesa, si perdono un po’ nella Simbologia dei Protagonisti. 

La storia risulta a tratti fumosa, smorzando la drammaticità degli eventi. 

àŒșLEGGERE È ASOCIALE ! àŒ»

Il Lettore e la Lettura

📚📖📚📖📚📖📚📖📚📖📚📖

😜State calmi! Vi vedo giĂ  che vi ribolle il sangue a leggere queste parole, ma dobbiamo prendere atto dei luoghi comuni…

📖Leggere Ăš una pratica solitaria, il Lettore ha una forte tendenza all’asocialitĂ , il solipsismo, la sostituzione della realtĂ  con mondi immaginari, l’incapacitĂ  di affrontare i lati pratici del quotidiano, la rinuncia alla partecipazione sono solo alcuni tra i tratti caratteristici…. insomma il #lettore Ăš un soggetto da curare e riabilitare…

Il Lettore e la Lettura

📚Il soggetto soffre di una mania compulsiva che lo porta ad orientare tutti i suoi acquisti verso la carta stampata, vive immerso nel suo mondo fantastico di pagine inchiostrate, si circonda di libri come se fosse  un aristocratico troppo sensibile per la crudezza del reale. 

📖Il Lettore vive nella costante paura dell’evento che lo costringerĂ  ad alzare gli occhi dal libro che sta leggendo e nell’istante in cui si compie questa orribile azione, la sua mente riscrive la realtĂ  e la popola di personaggi ( sicuramente piĂč interessanti) che ha appena incontrato tra le pagine del libro.

📚I LETTUROPATI trovano irresistibile anche la lettura degli ingredienti sulle scatole dei biscotti!

📜Del resto i grandi Lettori del passato non ci aiutano a confutare queste illazioni! 

BORGES ha ideato la sua ( splendida đŸ˜) Biblioteca di Babele per rappresentare l’Universo; PETRARCA dialoga con gli antichi ( Cicerone Ăš il suo piĂč caro amico ) mentre giudica aspramente il suo tempo; MACHIAVELLI racconta che la sera si spoglia della veste quotidiana, si pulisce dal fango e indossa panni reali e curiali e cosĂŹ bardato entra nelle antiche corti degli antichi uomini; DE MONTAIGNE ( đŸ˜Ź) si isola in una torre nella campagna di Bordeaux per poter leggere in santa pace!!!

❗!!!NO!!!❗

📚LEGGERE in realtà È Tanto altro!!

È la grande voglia di conoscere per COMUNICARE ( #gdladdicted ), ù il PRINCIPIO DI OGNI CONVERSAZIONE, ù allenamento all’EMPATIA, che ci permette di comprendere gli altri , ù la Consapevolezza a non commettere gli errori del passato!!

Tutte le grandi opere di narrativa, per quanto cupa sia la realtĂ  che descrivono, hanno in sĂ© il nocciolo della rivolta, l’affermazione della vita contro la sua stessa precarietĂ 

Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi

📖Il Lettore propone una Risocializzazione, basata sulla Conoscenza, ingrediente fondamentale del RISPETTO .

âŁïžâ­ïžâŁïžđŸ“šLe conseguenze dell’atto del Leggere sono piĂč che reali, sono tangibili ( basti pensare alle leggi sui diritti umani sostenute dagli illuministi ) e ne traggono beneficio tutti…. anche chi non legge😉

đŸ“–âŁïžđŸ“–â€œ Nessuno ha mai trovato consolazione nella conoscenza, ma tanti, nel corso dei secoli, hanno incontrato la determinazione e la passione, e ne hanno tratto forza per accettare la vita o il desiderio di cambiarla

La Repubblica dell’immaginazione di Azar Nafisi

📝🗞Queste considerazioni sono personali, ma basate sulla lettura di due Testi molto interessanti:

TRANCE-Autobiografia di un Lettore di Alan Pauls.

Una meravigliosa solitudine – Lina Bolzoni – @einaudieditore 

Il Lettore e la Lettura
Una meravigliosa solitudine

Sarei curiosa di conoscere la vostra opinioneđŸ€“ lasciate un commento LETTUROPATI del Web 😁

Pagina 1 di 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén